UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA BASILICATA
 

Il VI Programma Quadro di R&S

 

Il consortium agreement

Le novità introdotte dal VI Programma Quadro hanno notevoli ripercussioni su tutta la gestione amministrativa dei progetti cofinanziati.

Il finanziamento di progetti di grandi dimensioni come gli IP (Progetti Integrati) e le NoE (Reti di Eccellenza) la maggiore autonomia contabile e gestionale dei contraenti, la semplificazione delle procedure di presentazione delle proposte e stipula dei contratti comportano maggiori responsabilità amministrative dei proponenti e rendono necessaria la conclusione di un accordo consortile, denominato consortium agreement , che regoli in maniera chiara e precisa le responsabilità derivanti dal progetto. Il VI PQ , a differenza dei programmi quadro precedenti, ha reso obbligatoria la conclusione del consortium agreement prima della stipula del contratto , a meno che non sia diversamente specificato nell'invito a presentare proposte . Anche in questo caso comunque essa è fortemente raccomandata. E' inoltre auspicabile che, soprattutto per i progetti di grandi dimensioni, il consortium agreement sia concluso già in fase di presentazione della proposta, anche se in forma preliminare.

Il consortium agreement assume grande rilievo nella disciplina di aspetti quali l'organizzazione interna e la gestione del consorzio, la proprietà intellettuale ed industriale, la pubblicità e la riservatezza, le responsabilità, gli aspetti legali.

Il consortium agreement è un accordo tra i partecipanti ad un'azione indiretta; la Commissione Europea non è parte dell'accordo e non svolge alcun ruolo nella scelta, effettuata dalle parti, delle clausole ritenute appropriate alla natura e allo scopo della collaborazione e degli interessi considerati. Si limita a mettere a disposizione una checklist che fornisce indicazioni generali ai partecipanti nella stesura dell'accordo.

E' importante sottolineare che i contratti del VI PQ quantificano il contributo comunitario ma non indicano la sua ripartizione tra i partecipanti e non disciplinano le modalità per la sua gestione da parte del coordinatore. E' pertanto fortemente raccomandato disciplinare questi aspetti nell'accordo consortile.

Chek list relativa agli elementi indispensabili in un CA:

- riservatezza

- diritti di proprietà intellettuale

- pubblicazioni e reports alla Commissione Europea

           - organi decisionali ed esecutivi

            - piano finanziario e distribuzione fra i partner

           - modalità di trasferimento dei pagamenti

           - responsabilità

           - inadempienze

           - dispute

Nell'ambito dei gruppi di lavoro per il VI PQ previsti dal Progetto Europa della CRUI è stato predisposto un modello di CA, quale strumento di supporto per la definizione delle regole interne al consorzio. Tale modello può costituire una base di partenza ma deve di volta in volta essere completato e modificato in relazione:

Il documento contiene inoltre un modello di consortium agreement preliminare, predisposto nella forma di un documento sintetico, tale da poter essere già facilmente firmato in fase progettuale.

Chech list della Commissione               

Chech list commentata e predisposta dal Gruppo di lavoro Crui

Modello di Consortium Agreement

Altri modelli di Consortium Agreement

Il contratto tipo

I consorzi che hanno concluso con successo la negoziazione e sono stati selezionati per il finanziamento stipuleranno un contratto con la Commissione Europea che stabilisce diritti e doveri di tutti i partecipanti. I contratti si basano su un modello tipo (model contract) , approvato dalla Commissione Europea in data 23 ottobre 2003, che ha la seguente struttura:

Testo del Contratto

(Core contract)

Definisce i partecipanti, l'oggetto, la durata, la legge, la lingua, il costo totale, il contributo della Commissione ecc.

L'allegato I "Description of the work" (technical annex)

Descrive il progetto, gli obiettivi, i prodotti, il programma di lavoro, il ruolo di ogni partner

L'allegato II

(General conditions)

Contiene le condizioni generali del contratto: le norme per la realizzazione, le condizioni finanziarie, gli obblighi dei contraenti, le verifiche previste, le penali, la proprietà intellettuale, ecc.

 

L'allegato III

(Special provisions)

Contiene condizioni specifiche relative agli strumenti di attuazione

L'allegato IV - form A

Consenso dei contraenti ad accedere al contratto. Ogni contraente deve firmare il form A con il coordinatore, dopo la firma del contratto principale (tra il coordinatore e la Commissione Europea).

 

L'allegato V - Form B

Richiesta di accesso di nuovi partner al contratto (solo per IP e NoE)

 

L'allegato VI - Form C

Dichiarazione finanziaria

Nel caso di modifiche nel consorzio verificatesi nel corso del progetto, il contratto dovrà essere emendato.

La Commissione Europea ha inoltre approvato i Contratti tipo per le azioni previste dal Sistema "Marie Curie" (Marie Curie Actions), che sono in parte diversi dal contratto tipo previsto per le altre azioni tematiche.

In particolare i contratti tipo “Marie Curie” prevedono:

A – Consenso dei contraenti ad accedere al contratto (multicontractor)

B – Richiesta di accesso di un nuovo contraente al contratto (multicontractor)

C – Dichiarazione finanziaria (monocontractor o multicontractor)

http://europa.eu.int/comm/research/fp6/model-contract/contracts_en.html - Core%20contract

Firma, entrata in vigore e inizio del progetto

Alla negoziazione del contratto segue la firma dello stesso.

•  Il contratto, preparato dalla Commissione, viene inviato, in duplice copia al coordinatore.

•  Il coordinatore firma le copie del contratto e le restituisce alla Commissione.

•  La Commissione, a sua volta, firma le due copie e ne restituisce una al coordinatore.

•  Il coordinatore invia, a ciascun partecipante, una copia del contratto e il modulo A di accesso al contratto.

•  I partecipanti firmano tre copie del Form A e le inviano al coordinatore che, a sua volta, le firma. Un originale di ciascun Form A debitamente firmato da ciascun partecipante e dal coordinatore verrà inviato:

•  al Project Officer ,

•  uno a ciascun contraente,

•  uno rimarrà al coordinatore.

Il contratto entra in vigore al momento della firma tra il coordinatore e la Commissione.

Il contratto specifica la data di inizio del progetto (cioè da quando possono iniziare i lavori e possono essere imputati i costi al progetto), che di norma è posteriore alla data di entrata in vigore del contratto.